Slow Revolution

informazioni per un mondo più consapevole

I progetti nati dai fotografi solidali

10-fotografia-di-shobha-battaglia-per-togetherstrongerAGIRE #togetherstronger step forward – Negli scorsi mesi abbiamo scritto di due iniziative promosse dal Perugia Social Photo Fest a favore delle popolazione colpite dai sismi del Centro Italia. La prima, avviata a settembre, ha visto decine di fotografi protagonisti delle passate edizioni della rassegna umbra cedere le loro opere per una raccolta fondi solidale. La seconda, realizzata a ottobre con il contributo dell’associazione Église di Palermo, ha aggiunto altri scatti a supporto di #togetherstronger voluta dal direttore di PSPF Antonello Turchetti. Un evento, quest’ultimo, comprensivo di una mostra chiusa lo scorso 11 novembre con la consegna delle foto e il ringraziamento agli attori che hanno dato forma e corpo al progetto. Atto finale che consente di tracciare il bilancio complessivo della due iniziative con i “numeri” forniti dai responsabili del Perugia Social Photo Fest: due città coinvolte (Perugia e Palermo), 88 fotografi aderenti e il 100% di immagini vendute. L’esito è una raccolta di 5.200 euro destinati, come da previsioni, all’associazione La Strada Onlus di Rieti che le utilizzerà per realizzare quattro progetti a supporto dei bambini e dei giovani afflitti dal trauma causato dai terremoti. Di seguito una sintesi dei progetti dal comunicato stampa del PSPF.

Giovani in Ascolto

Realizzazione di una web radio grazie alla quale si affronteranno diverse tematiche legate a disagi, difficoltà o situazioni complicate dell’età giovanile; una volta alla settimana la web radio ospiterà testimonianze dirette ed esperti. Accanto a questo progetto verrà creata una piattaforma online, con un forum – dove i ragazzi potranno scambiare tra loro idee, opinioni ed esperienze, anche sulla base delle loro passioni e dei loro interessi – e una chat – gestita da una psicologa che aiuterà i ragazzi ad entrare in contatto con realtà del territorio e a ricevere aiuto in caso di bisogno. All’interno di questo progetto verrà data particolare attenzione al tema del terremoto, che sarà trattato in spazi appositi; grazie alla partecipazione di psicologi, educatori e terapeuti, i più giovani potranno raccontare la loro esperienza e cercare di superarla attraverso un percorso di scambio, condivisione ed elaborazione del trauma.

Gioco LAB

Tra i progetti legati alla gestione della Ludoteca del reparto di Pediatria dell’Ospedale di Rieti “De Lellis”, c’è il laboratorio rivolto ai più piccoli, Gioco LAB, che avrà l’obiettivo di sviluppare, attraverso il gioco, la capacità di narrazione e di relazione tra i partecipanti.

My Home

Progetto dedicato in particolar modo ai bambini colpiti dal terremoto di Amatrice, di età compresa tra i 6 e i 10 anni. Il laboratorio consisterà in un corso base di fumetto e in un approfondimento basato sull’arte-terapia. L’obiettivo è quello di guidare i bambini nella riscoperta del concetto di “Casa” per ritrovare il proprio posto nel mondo, e di aiutarli così ad esternare il loro malessere e a mitigare il senso di paura che hanno vissuto e che stanno vivendo.

Pensieri e Parole

Spazio anche alla musica poi con Pensieri e Parole, corso aperto a tutti per la scrittura creativa della canzone che ripercorrerà la storia della musica contemporanea con un approfondimento e l’analisi dei brani più significativi del cantautorato italiano, e non solo. Analizzare e studiare la storia, quindi, e raccogliere spunti melodici, armonici e ritmici, come primi step per un’elaborazione personale della composizione.

03-togetherstronger-step-forward_evento-conclusivo

Aggiornamenti sull’iniziativa #togetherstronger sono disponibili sulle pagine facebook di:

Perugia Social Photo Fest

Associazione Église

Associazione La Strada Onlus di Rieti

Annunci

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 3 dicembre 2016 da in Agire, Fotografia con tag , , , , , .
Small-Facebook-Logo
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: