Slow Revolution

informazioni per un mondo più consapevole

La rivoluzione lenta dei viandanti

giornata-del-camminare-1EVENTI Giornata nazionale del camminare 2016 – Per salute o turismo, per incontrare nuove persone o per ritrovare se stessi. Le ragioni per mettersi in cammino sono infinite e vanno oltre le pure intenzioni di chi decide di procedere passo dopo passo. Come scrivono Anna Rastello e Riccardo Carnovalini nel libro PasParTu, camminare è una rivoluzione a quattro chilometri all’ora” che consente di guardare il mondo con la lentezza necessaria per percepire lo spirito dei luoghi attraversati e l’animo profondo trasmesso dagli sguardi delle persone incontrate. Muoversi a piedi significa supportare le comunità locali, ravvivare borghi dimenticati dalla finanza globale, degustare i sapori locali procreati dall’agricoltura di prossimità. Significa rinunciare alle fonti fossili e al peso degli oggetti inutili. Camminare è un passo verso un’economia alternativa vicina alle persone, una società retta su valori solidali, verso la realizzazione di città più vivibili e la tutela delle aree naturali. Un passo verso un mondo più giusto. Un mondo ricco di solidarietà come conferma la Giornata nazionale del camminare 2016 promossa da FederTrek per il 9 ottobre.

cammino-di-marcella

In cammino a difesa dei più deboli e della Pace

Le iniziative per festeggiare gli amanti della viandanza sono decine in tutta la Penisola. Molte sono dedicate alla riscoperta di luoghi storici, come l’Appia Antica e l’architettura del Novecento a Udine, o del patrimonio naturale, quali la traversata del Parco di Portofino o la Kalabria coast to coast. Altre aggiungono al piacere di condividere un percorso di fascino il sostegno a cause e valori. A Roma la passeggiata interreligiosa fino a San Pietro ricorda la tragedia dei migranti e i precetti di solidarietà e accoglienza insiti in tutte le fedi, la camminata nelle terre di marchigiane da Visso a Nera diventa occasione per sensibilizzazione sui temi della ricostruzione e prevenzione dei terremoti. In Puglia si celebra la socializzazione con tutti i cammini promossi delle diverse associazioni di trekking diretti all’antico borgo di Oria (BR), in Campania con l’itinerario per il “benessere della persona, della comunità e del territorio”. A Fabriano (AN) la solidarietà si illumina con una passeggiata notturna, a Messina con l’escursione in compagnia di chi non può camminare, a Torino con la 24 ore del Cammino di Marcella (la partenza è l’8 ottobre), l’iniziativa voluta da Anna Rastello per “cambiare lo sguardo sulla disabilità”. A rafforzare il desiderio di costruire un mondo migliore per tutti è pure la concomitanza della Giornata nazionale del camminare 2016 con la Marcia per la Pace Perugia-Assisi che dal 1961 promuove una cultura di pace tra le persone e i popoli. Rimanere seduti il 9 ottobre sarà impossibile.

Per informazioni

FederTrek sito

Giornata nazionale del camminare 2016 sitofacebook

Marcia della Pace Perugia-Assisi sitofacebook

Il Cammino di Marcella sito facebook

Annunci
Small-Facebook-Logo
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: