Slow Revolution

informazioni per un mondo più consapevole

Eating Planet

Cover Eating PlanetLIBRI Novità – “Stiamo mangiando il nostro Pianeta”. E’ l’avvertimento lanciato con la seconda edizione di “Eating Planet”, il libro a cura della Fondazione Barilla Center fo Food & Nutrition (BCFN) creata per studiare gli effetti economici, sociali e ambientali delle nostre scelte alimentari. A distanza di quattro anni il “Nutrirsi oggi: una sfida per l’uomo e il pianeta” del sottotitolo si tramuta in “Cibo e sostenibilità: costruire il nostro futuroe aggiunge alcuni contributi per la definizione di abitudini alimentare più salutari e sostenibili, nonché rafforza l’appello per un “cibo per la pace” capace di rendere il mondo più giusto.

Il cibo cambia il clima

A dettare un cambiamento nel sistema di produzione alimentare mondiale sono numerose ragioni. La meno nota è che agricoltura e allevamento sono responsabili del 31% delle emissioni di gas serra, un’incidenza di molto superiore a quella di riscaldamento (23,6%) e trasporti (18,5%) che sono spesso al centro delle cronache ambientali quali principali imputati dei cambiamenti climatici. Un “peso” in crescita considerato che dal 1990 a oggi l’impatto dell’agricoltura sul clima è aumentato del 20% e raddoppiato dal 1960. Non solo. L’attuale agroindustria ha provocato danni alla salute diretti come in Argentina, non ha risolto il problema della fame del mondo con ancora 795 milioni di persone denutrite e ha fatto salire i cittadini sotto il “ricatto dell’obesità a più di 2 miliardi. Un effetto collaterale, quest’ultimo, con gravi ripercussioni sanitarie che portano all’incremento di patologie croniche e cardiovascolari funeste tanto quanto la denutrizione.

Meglio la dieta mediterranea

All’analisi delle problematiche legate al cibo il libro affianca delle proposte per rendere possibile la “terza rivoluzione industriale” auspicata da Carlo Petrini in “Terra Madre. Un rivoluzione perseguibile con diete alimentari più amiche di salute e ambiente, come quella mediterranea che ha reso celebre la cucina italiana nel mondo, ma che oggi sono proprio i nostri connazionali ad abbandonare sempre più. Il risultato è che “il 18,3% degli italiani tra gli 11 e i 15 anni è in sovrappeso contro l’8,7% dei giapponesi” e che, complice la scarsa attività fisica, le patologie di derivazione alimentare sono in costante aumento nel Bel Paese. Eppure la scelta della buona alimentazione è ineluttabile per il futuro nutrizionale del mondo. Senza un cambio delle abitudini, infatti, sarà impossibile sfamare i 9,5 miliardi di persone previsti per il 2050 su terre rese sempre meno fertili dallo sfruttamento intensivo, erosione, siccità e altri effetti dei cambiamenti climatici in atto.

Sommario
BCFN: affrontiamo insieme i tre paradossi, Guido Barilla
Eating Planet: il cibo, oltre le semplificazioni, Pavan Sukhdev
Agricoltura e sostenibilità: il nostro futuro nell’era degli umani
Gianfranco Bologna
1. Le sfide del cibo
COP21: un buon accordo per il clima e la crescita, Barbara Buchner
Il cibo al centro delle sfide globali

2. Cibo per tutti
La sostenibilità del sistema agroalimentare e la circolazione globale 
delle merci, Paolo De Castro
L’accesso al cibo: le sfide di oggi, ma soprattutto quelle di domani
2.1 La sicurezza alimentare e i problemi di accesso al cibo
2.2 Il “paradosso alimentare” e le sue cause
2.3 Le possibili aree di azione
L’instabilità dei prezzi del cibo
2.4 Il modello interpretativo del BCFN
2.5 Le variabili del modello BCFN
2.6 Strategie per contrastare la volatilità
Approcci e strumenti per il “benessere sostenibile”
2.7 Prodotto interno lordo contro indicatori di benessere
2.8 Approccio soggettivo contro approccio oggettivo: le diverse prospettive 
di misurazione del benessere
2.9 La misurazione del benessere e della sua sostenibilità: il BCFN Index
2.10 Il BCFN Index 2012 e i principali risultati
Contributi
Coltivare un sistema alimentare migliore, Danielle Nierenberg
Interviste
Nell’accesso il fattore chiave è la diversità - Paul Roberts
Proposte e azioni

3. Cibo per una crescita sostenibile
Pagare il giusto, Carlo Petrini
La doppia piramide: un’alimentazione sana per tutti e sostenibile per l’ambiente
3.1 La piramide alimentare come strumento di educazione
3.2 Alcuni studi sull’alimentazione mediterranea
3.3 La piramide ambientale
3.4 La Doppia Piramide per chi cresce
3.5 Mangiare sano costa di più?
Il futuro dell’agricoltura: verso paradigmi agricoli sostenibili
3.6 Sustainable Food Value Chain: il valore del cibo sostenibile
3.7 La sostenibilità dei sistemi colturali del grano duro: il caso Barilla
Water economy: l’emergenza acqua tra disponibilità e interessi economici
3.8 La disponibilità dell’acqua: dall’abbondanza alla scarsità
3.9 La realtà e le prospettive del diritto di accesso all’acqua
3.10 Le scelte e i comportamenti per un consumo sostenibile dell’acqua
3.11 L’impronta idrica di una nazione e il commercio di acqua virtuale
3.12 La privatizzazione dell’acqua: implicazioni tra pubblico e privato
Contributi
Sfamare 9 miliardi di persone rimanendo entro i 2 °C?, Riccardo Valentini
Interviste
La difficile transizione verso l’agricoltura sostenibile - Hans R. Herren
Acqua virtuale fra sovraconsumo e cattiva gestione - Tony Allan
Proposte e azioni

4. Cibo e salute
La salute dipende dall’alimentazione e dall’agricoltura, Ricardo Uauy
Cibo per una vita sana
4.1 La diffusione e le tendenze delle malattie croniche e i loro impatti 
economico-sociali
4.2 Le linee guida per l’adozione di una sana alimentazione e uno stile 
di vita corretto
4.3 Le linee guida e i modelli di dieta più diffusi
4.4 Raccomandazioni per scegliere
Cibo e bambini: la buona educazione
4.5 La diffusione dell’obesità e del sovrappeso nei bambini e negli adolescenti 
e il loro impatto economico-sociale
4.6 I nutrienti nelle differenti fasi della crescita
4.7 Le linee guida per l’adozione di una sana alimentazione e uno stile
di vita corretto nei bambini e negli adolescenti
4.8 Raccomandazioni per scegliere
Longevità e benessere: il ruolo fondamentale della nutrizione
4.9 Impatti economici e sociali delle principali patologie 
su demografia e longevità
4.10 La relazione tra longevità, patologie e ruolo dell’alimentazione e 
degli stili di vita
4.11 Stati infiammatori e restrizione calorica: possibili interventi per rallentare 
i processi di invecchiamento
4.12 Raccomandazioni per scegliere
Contributi
Salute e malattia nell’era dei cibi altamente lavorati, 
Sara Farnetti e Camillo Ricordi
L’ambiente obesogeno e gli impatti sociali e sanitari. Cause e strategie 
di contrasto, Gabriele Riccardi
Interviste
Le aziende devono adottare comportamenti responsabili - Marion Nestle
Condividere la responsabilità sui bambini - Aviva Must
L’impatto degli stili di vita sull’invecchiamento - Alexandre Kalache
Proposte e azioni

5. Cibo e cultura
Food for peace: un appello per la mobilitazione della buona volontà, 
Shimon Peres
La dimensione culturale del cibo
5.1 Il rapporto cibo-cultura: le origini
5.2 Il cibo diventa comunicazione e convivialità
5.3 Delizia e disgusto: la classificazione culturale del mangiabile
5.4 Cibo: ruoli sociali, di genere e di potere
5.5 Il valore simbolico degli alimenti nelle grandi fedi religiose
5.6 Le proibizioni alimentari: cibo e purezza
5.7 Cibo e cultura: un legame indissolubile
Le grandi tradizioni culinarie e la realtà del cibo oggi
5.8 Le grandi tradizioni culinarie
5.9 Il cibo oggi: sfide e prospettive
5.10 Verso una nuova visione dell’alimentazione
La cultura mediterranea: stile di vita, tradizione alimentare e difficoltà 
del tempo presente
5.11 Le caratteristiche salienti della dieta mediterranea
5.12 La mediterraneità oggi: il declino di un modello
5.13 Come recuperare il significato della mediterraneità
Contributi
L’importanza di educare i bambini al cibo, Jamie Oliver
Consumatori e sostenibilità: la risposta è il nostro piatto, Ellen Gustafson
La guerra della consumer culture e il sistema alimentare: quali implicazioni 
per il modello mediterraneo?, Michael Heasman
Interviste
Chi controlla il cibo controlla la democrazia - Vandana Shiva
Proposte e azioni

Appendici
Il protocollo di Milano sull’alimentazione e la nutrizione
Youth Manifesto – Food People Planet

Autore

La Fondazione Barilla Center for Food & Nutrition (Fondazione BCFN) è un centro di pensiero e di proposte nato nel 2009 con l’obiettivo di analizzare i grandi temi legati all’alimentazione e alla nutrizione nel mondo. Fattori economici, scientifici, sociali e ambientali vengono studiati nel loro rapporto di causa-effetto con il cibo attraverso un approccio multidisciplinare. Presidente e Vice Presidente della Fondazione BCFN sono Guido e Paolo Barilla, mentre il CdA è formato, tra gli altri, da Carlo Petrini, presidente di Slow Food e Paolo De Castro, coordinatore della commissione agricoltura e sviluppo rurale del parlamento europeo. Organismo garante dei lavori della Fondazione BCFN è l’Advisory Board. Contributi al volume: Tony Allan, Gianfranco Bologna, Barbara Buchner, Paolo De Castro, Sara Farnetti, Ellen Gustafson, Michel Heasman, Hans R. Herren, Alexandre Kalache, Aviva Must, Marion Nestle, Danielle Nierenberg, Jamie Oliver, Shimon Peres, Carlo Petrini, Gabriele Riccardi, Camillo Ricordi, Paul Roberts, Vandana Shiva, Pavan Sukhdev, Ricardo Uauy, Riccardo Valentini.

Scheda
Autore:
Fondazione Barilla Center fo Food & Nutrition (a cura di)
Titolo:
Eating Planet. Cibo e sostenibilità: costruire il nostro futuro
Pagine:
320
Immagini:
si
Prezzo:
25 euro (2016)
Editore: Edizioni Ambiente
Anno: 201
6
Sito:
www.edizioniambiente.it

Annunci

Un commento su “Eating Planet

  1. Pingback: La rivoluzione inizia dal cibo | Slow Revolution

I commenti sono chiusi.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22 febbraio 2016 da in Ambiente, Enogastronomia, Libri con tag , , , , , , .
Small-Facebook-Logo
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: