Slow Revolution

informazioni per un mondo più consapevole

Mobilità, i sette giorni “alternativi” d’Europa

Settimana europea mobilita logo-DTRMEVENTI Settimana europea mobilità sostenibile – Per sette giorni l’Europa prova a muoversi in modo ecologico. Da perseguire c’è la riduzione dell’impatto dei trasporti, responsabili di oltre il 20% delle emissioni di gas serra che provocano i cambiamenti climatici e di buona parte delle concentrazioni di inquinanti delle nostre città. Smog che, secondo il Rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità del 2015, causa il decesso prematuro di oltre 600.000 persone del Vecchio Continente e di 7 milioni in tutto il mondo. Tragedia umana al quale si aggiunge quella economica con i costi derivati dall’aria impura che ammontano a più di 1.600 miliardi di dollari. In Italia i numeri del 2010 dicono di 32.447 morti e di 97 miliardi di dollari di spese sanitarie pari al 4,7% del PIL nazionale.

Fai il giusto mix

Dati bellici che la Commissione europea prova a combattere promuovendo per il 14° anno la Settimana europea della mobilità sostenibile con l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione ad adottare modalità di spostamento a minore impatto ambientale. Un impegno che nel 2015 raddoppia con l’abbinamento della manifestazione con un altro progetto comunitario, la campagna Do The Right Mix che incita a fare il giusto mix tra mezzi pubblici e privati. Una persuasione rimarcata con lo slogan 2015 dell’European Mobility Week, “Choose. Change. Combine”, ossia scegli, cambia, combina. Doppio incitamento che pare sedurre meno del passato considerato che le città europee aderenti con progetti specifici sono 1.586, quasi il 25% in meno delle 2011 registrate l’anno scorso. A credere ancora nell’iniziativa è l’Austria con 435 località impegnate a organizzare iniziative di mobilità alternativa, seguita da Spagna (314) e Ungheria (181). Per contro sembrano poco interessati alla “Settimana” paesi come Germania (9 città), Olanda (1) e Danimarca, assente nell’elenco dell’European Week.

Gli appuntamenti italiani

L’Italia è tra i paesi virtuosi d’Europa con 93 città impegnate ad ospitare centinaia di eventi, come convegni, mostre, pedalate collettive o le giornate senza auto previste a Bologna, Genova, Napoli, Roma e altre località per il 22 settembre. Una miscela di proposte, con alcune più ludiche come l’esposizione fotografica “Mobilità senza limiti” della Capitale o le proiezioni cinematografiche di Trieste dove, tra l’altro, saranno riproposti i due documentari di Chris Paine sui veicoli a batterie: “Chi ha ucciso l’auto elettrica?” e “La rivincita dell’auto elettrica”. A Milano, città dei mezzi in condivisione, il focus è sulla sharing mobility con l’incontro del 16 settembre mentre a Torino si promuove il trasporto pubblico con visite guidate al Museo Ferroviario e nelle sedi dei gestori del servizio, nonché offrendo corse gratuite su bus e tram la domenica e l’abbonamento annuale a costo zero al servizio di car sharing. A Palermo si fanno lezioni di ecoguida e si gioca al concorso fotografico #ecoNvertiti e a percorre più chilometri sui mezzi pubblici con la sfida a squadre “Il trafficO2 siamo noi!”. L’elenco completo delle iniziative è consultabile sulla pagina del Ministero dell’Ambiente.

La settimana della mobilità…in bicicletta

A infoltire gli appuntamenti nella Penisola è la Federazione italiana amici della bicicletta, la Fiab, che in concomitanza con l’appuntamento europeo promuove da sempre la Settimana della mobilità…in bicicletta. Una serie di eventi organizzati dai gruppi locali aderenti all’associazione pensati per promuovere l’uso dei cicli negli spostamenti quotidiani e per valorizzare le eccellenze culturali e storiche dei territori. A livello nazionale, per il secondo anno il tema scelto è Bike to Work, argomento che il 18 settembre coinvolgerà dipendenti di aziende, commercianti, amministratori pubblici e studenti.

Annunci

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 16 settembre 2015 da in Eventi, Mobilità con tag , , , , , , .
Small-Facebook-Logo
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: